Campi da golf nei Paesi della Loira

Scopri la guida dettagliata a tutti i campi da golf situati nella regione Pays de la Loire. Puoi lasciare un commento, un voto o un aneddoto su tutti i campi da golf nella directory del golf

Dove giocare a golf nei Paesi della Loira? La guida dettagliata a tutti i campi da golf della regione

Campi da golf e hotel Per dipartimento nei Paesi della Loira

Da un rinascimento all'altro, gioca a golf sulle rive della Loira.

Dalla Sologne alla Touraine, le rive della Loira sono un vero e proprio museo a cielo aperto del Rinascimento. I castelli ei campi da golf che si susseguono gareggiano in bellezza e audacia architettonica. E nel cuore delle sue foreste, dove abbonda la selvaggina, si annida il campo di Bordes, uno dei più bei campi da golf di Francia. Un'opera paragonabile a Chambord, il casino di caccia di François 1er.

DIOrleans à Saumur, la valle formata dalla Loira è chiamata la Valle dei Re. Dalla dinastia dei Capetingi a Francesco I, i re di Francia la scelsero come loro dimora. In questa regione di foreste e stagni dove abbonda la selvaggina, gli architetti italiani hanno gareggiato nella creatività per costruire castelli e capanne di caccia. Anche quando il re e la corte scelsero Parigi come loro capitale, la costruzione di queste residenze principesche che dominano la Loira non cessò mai. Nel XIX secolo fu la volta della borghesia a competere nell'architettura neogotica e neoclassica per le loro case incastonate nel cuore della Sologne.

Questa Valle dei Re, culla del Rinascimento, che ha attratto i più grandi artisti stranieri del XV e XVII secolo, ha saputo sedurre nel XX secolo i grandi nomi dell'architettura golfistica inglese e americana. Come Cabell Robinson a Orleans-Limere, Michael Fenn a campo da golf della Touraine et il maestro Robert Van Hagge a Les Bordes.

Il campo da golf di Bordes: il campo di punta sulle rive della Loira

Ne parla la Lecoingolf Golf Guide Campo da golf di Bordes e lo classifica tra i corsi più belli d'Europa. Questo percorso eccezionale nel cuore della Sologne condivide punti con altri sedici capolavori da tempo riconosciuti come Valderrama in Spagna, Contea reale di Down et Portrush reale en Irlanda del Nord, Muirfield et Carnoustie in Scozia, Birkdale reale et Royal Lytham St Annes en Inghilterra ...

Sedici club che hanno ricevuto tornei prestigiosi: British Open, Ryder Cup, Walker Cup... Il campo da golf di Bordes è un'eccezione. In accordo con i desideri del barone Marcel Bich, un uomo che ha costruito la sua fortuna sull'invenzione della penna a sfera che ha commercializzato sotto il suo nome, e del suo partner il giapponese Mr. Sakuraï, questo campo da campionato con una terribile reputazione n' accoglie comunque che i giocatori di "Sunday" vengono ad affrontare il mostro. Peccato, perché, con i suoi 6412 metri dai tee posteriori, sarebbe un ottimo banco di prova per grandi giocatori professionisti.

Dalla sua inaugurazione nel 1987, i Bordes hanno ispirato rispetto. Chi ha percorso i suoi fairway lo ammira, chi sogna di raccogliere la sfida lo teme. Tuttavia la durezza del percorso è ora addolcita grazie ad una pulizia del sottobosco e ad una modulazione delle partenze che la rendono.., più abbordabile. Agli frontiere, si guadagna anche il par. Allora che dire dell'uccellino! I golfisti che ne fanno la loro seconda casa dicono che è saggio spazzare via ogni buca. Una strategia difensiva che vieta di tentare ad ogni colpo i verdi regolamentari, alla ricerca di un'impresa impossibile.

Caccia al birdie al Golf International les Bordes

Perché in questa regione di caccia con i cani, l'uccellino o l'aquila fuggono dalla prima spinta, come il cervo inseguito dai cani. La sera, i golfisti di solito tornano a casa a mani vuote, il carniere vuoto dei punteggi trionfanti, lo swing distrutto e il cuore pesante. In Campo da golf internazionale Les Bordes, perdiamo la nostra vanità negli ostacoli d'acqua e impariamo l'umiltà.

Quando il Campo da golf di Bordes ha aperto i battenti, i golfisti hanno scoperto l'opera di un architetto sconosciuto in Francia, Robert Van Hagge. Da allora ha diffuso le sue creazioni in Francia: Seignosse, Kempferhof, Courson Monteloup, Golf Nazionale... Tutti all'unanimità riconosciuti come ottimi corsi anche se i critici lo criticano per i disegni un po' troppo complicati e un costo costoso per mantenere i suoi fairway a volte tortuosi.

Golf per tutti

Lucido delle qualità golfistiche dei giocatori francesi, il barone Marcel Bich decise, alcuni anni dopo, di costruire un altro campo vicino a Les Bordes. Golf facile da giocare e conveniente per tutte le tasche. A sei anni dalla sua apertura, il Campo da golf del Priorato de Ganay tiene ancora la sua scommessa. Le tasse annuali e i green fee economici nei giorni feriali e nei fine settimana hanno conquistato i golfisti del Loir-et-Cher ei parigini che sono venuti a Ganay per aggiustare il tiro prima di attaccare il mostro vicino. Per raggiungere questo percorso di 27 buche, aumentato a 36 nel 2000, il barone Bich ha trovato il suo uomo, Jim Shirley, l'assistente di Robert Van Hagge.

La filosofia di questo professionista americano, residente in Francia da quattordici anni, ha conquistato il Barone: "Il golf deve essere divertente, veloce e facile da giocare". L'antitesi di Van Hagge. La missione affidatagli dal barone Bich sembrava insormontabile: un percorso giocabile da tutti, senza eccessiva perdita di palloni, e il cui costo di costruzione e manutenzione è ridotto alla sua più semplice espressione. Jim Shirley ha un budget di tre milioni di franchi per ogni campo a 9 buche. Poco ma sufficiente per il texano. Con tutta la saggezza di un sessantenne, ha realizzato la prima fetta, la rossa, che sembrava dei link, poi la blu, un percorso a 9 buche disegnato tra le betulle e il giallo, un compromesso tra i primi due percorsi. 

L'ultimo, aperto nell'autunno del 2000, si snoda attraverso un bosco di querce. Al Priorato di Ganay, puoi lasciare il sandwedge nel bagagliaio della tua auto, le ventisette buche hanno solo sedici bunker! Un record. Sul percorso rosso bisogna attendere la quinta buca per trovare tracce di sabbia. "I bordi del green sono trattati in una leggera depressione erbosa che potrebbe eventualmente ricevere sabbia", spiega il suo creatore. Per compensare questa mancanza di ostacolo, i green sono piccoli, torturati e rialzati ("i migliori della regione", insistono i clienti abituali). In tal modo, il Priorato di Ganay può difendere coraggiosamente il suo par 36 ogni 9 buche.

Una vita da castello per i golfisti

Scendendo la Loira da Chambord a Escursioni, i castelli rinascimentali erigono le loro torrette all'ansa dei meandri del fiume più lungo di Francia. Amboise, Chaumont-sur-Loire, Chenonceau, Azay-le-Rideau… Pochi di questi edifici dall'architettura di ispirazione italiana sono ancora abitati da privati ​​poiché i costi di manutenzione sono ormai estremamente elevati. Inoltre, le famiglie che hanno voluto preservare il loro patrimonio familiare aprono le loro porte ai visitatori poche ore al giorno. In Castello di Cheverny, il marchese Charles-Antoine de Sigalas Hurault de Vibray sta lavorando duramente per dare vita a questa tenuta, che la famiglia possiede da cinque secoli. Suoni e luci, caccia, apertura al pubblico (Cheverny fu, nel 1922, il primo castello privato visitato) permettono al marchese di mantenere la tenuta. 

I numerosi tintinofili fanno anche il pellegrinaggio a Cheverny, poiché il designer Hergé ha preso come modello questa vasta residenza completata nel 1634 per disegnare Moulinsart, il castello del capitano Haddock. L'affitto del terreno antistante il castello dove oggi il Campo da golf di Cheverny costituisce un'ulteriore fonte di reddito per il marchese. Questa 18 buche che gira intorno il Rousselière, uno stagno di quarantadue ettari, non ha però alcuna prospettiva sul castello. Consapevoli del vantaggio che potrebbero costituire i fairway che salgono verso questa “residenza principesca”, i proprietari stanno valutando un ampliamento del campo da golf. Un progetto che dovrebbe ispirare i fan di Tintin vestiti con pantaloni da golf, come il loro eroe. E l'apice della felicità per questi amanti dei fumetti, gli Snowy di tutti i tipi sono ammessi sul percorso.

D'altra parte, i campi da golf di Tours hanno integrato i castelli nel loro sito. Villa abbastanza disabitata sul Campo da golf Ardrée, uno dei fiori all'occhiello del Catena Blu Verde, castello-albergo con sette torri in stile neogotico sull'omonimo campo da golf, intorno al quale si estende un percorso molto pianeggiante di dubbio interesse golfistico e una bella residenza borghese del XIX secolo o campo da golf della Touraine affacciato su uno splendido corso splendidamente alberato.

Golf de Touraine un paradiso per i golfisti

Fu nel 1973 che i golfisti della Touraine, cacciati dalla costruzione dell'autostrada, emigrarono a Ballon-Miré, sul Domaine de la Touche e creare il campo da golf della Touraine. Su una piccola superficie, l'architetto inglese Michael Fenn ha realizzato diciotto buche a forma di chiocciola rispettando i magnifici alberi della proprietà: querce peduncolate, pioppi bianchi, sequoie, alberi della Giudea, ginepri, abeti algerini… Un vero paradiso per i botanici in erba che non Non riusciamo ad ammirare prima di guidare il par 3 di 16, la maestosa quercia dalle cinquecento sorgenti che estende i suoi imponenti bronchi a sinistra del tee di partenza. in dol campo da golf privato con un caloroso benvenuto, i bambini sono i re. La domenica affollano gli 800 mq di putting green seminati su un vecchio orto per le gare di avvicinamento e putting. Queste divertenti sessioni di allenamento stanno dando i loro frutti, il campo da golf della Touraine ha vinto il campionato francese per club, detronizzando il Racing Club de France e la sua squadra di stelle. Lontani dallo spirito dei club parigini, i Juniors del Golf de Touraine rappresentano il futuro del golf francese, se non il suo rinascimento.

Alcuni aneddoti, informazioni e citazioni dai campi da golf della regione Pays de la Loire e Centre Val de Loire… Lo sapevi? 

  • A Orléans-Limère, la reception è racchiusa in una torre di vetro.
  • Dalla prima buca del campo da golf Bordes, il palcoscenico è pronto. I green sono bersagli e i bunker sono vere spiagge
  • Ispirato da Robert Trent Jones di cui era assistente, Cabell Robinson posa sui fairway di Orleans Limère i suoi green frastagliati.
  • Catherine de Médicis, Diane de Poitiers e Madame de Staël risiedevano al castello di Chaumont-sur-Loire
  • Creazione di Cabell Robinson, Orléans-Limère è la porta di accesso ai campi da golf dei castelli della Loira
  • Vicino a Les Bordes, Jim Shirley costruì, nel Priorato di Ganay, un campo da golf economico dove i bunker verdi sono sostituiti da depressioni erbose
  • Les Bordes: il barone Bich voleva un golf di livello mondiale. Rober Van Hagge ha soddisfatto i suoi desideri. Su questo diabolico percorso a Loir-et-Cher, i bunker sono larghi quanto i fairway, i green sono in stile isolano e la Clubhouse è estremamente confortevole nonostante la sua apparente semplicità.
  • All'ombra delle torri merlate del Château des Sept Tours, l'ampio percorso di Michael Fenn consente l'utilizzo del drive in tutta sicurezza. Al castello, la tavola per la cena è molto elegante. È il borghese chic à la française. Lo Château des Sept Tours è ora un golf hotel. E la cappella è stata trasformata in una club house
  • Golf Tour Ardrée è uno dei due campi da golf della regione Centro della catena Blu verde.
  • Le campo da golf della Touraine ha messo radici nel 1973 nel Domaine de la Touche. I botanici amano questo percorso che ha conservato i suoi alberi centenari.